Donna Uomo Bambini Animali

Gastroenterite umana e canina ad Avellino: sintomi, cause e prevenzione

Nelle ultime settimane molti utenti ci hanno raccontato di come i lori amici a quattro zampe stiano soffrendo di gastroenterite; questo piccolo focolaio localizzato ad Avellino e provincia segue quello di marzo in cui molti bambini hanno sofferto di febbre e disturbi gastrointestinali, lasciando molte classi delle elementari e medie semivuote.

Cogliamo l’occasione per parlare di questa infezione, con una particolare attenzione ai sintomi, alle cause e come prevenirla.

Gastroenterite umana

La gastroenterite umana è una condizione infiammatoria che coinvolge lo stomaco e l’intestino tenue. La sua manifestazione più comune è attraverso sintomi gastrointestinali come diarrea, vomito, crampi addominali e occasionalmente febbre. Sebbene spesso fastidiosa e a volte debilitante, la zoonosi è ragionevolmente gestibile e si può prevenire con pochi e semplici accorgimenti come la cura dell’igiene personale, la corretta manipolazione e preparazione degli alimenti e l’evitare il contatto con individui infetti.

Cause

La gastroenterite non ha una causa comune, trattandosi di un’infezione che può essere dovuta a virus (Rotavirus, virus di Norwalk, norovirus, adenovirus e astrovirus), batteri (Campylobacter jejuni e Clostridioides difficile) e parassiti (Giardia lamblia, Cryptosporidium ed Entamoeba histolytica).

Tra gli agenti patogeni il Rotavirus è il principale responsabile della patologia nei bambini, mentre negli adulti giocano un ruolo importante il virus di Norwalk ed il batterio Campylobacter.

Epidemiologia

L’incidenza di gastroenterite umana può variare stagionalmente e geograficamente, ma è diffusa fondamentalmente in tutto il mondo. Si stima che circa due miliardi di persone soffrano dell’infezione ogni anno.

Eziologia, sintomi ed esami diagnostici

Eziologia

L’infezione avviene solitamente da cibi contaminati, preparati o manipolati in maniera errata, ad esempio senza un adeguato lavaggio o consumati crudi; da acqua non potabile o contatto diretto con individui infetti. Piccoli cluster di infezione si generano spesso in luoghi di ritrovo comune dei bambini, come la scuola o il parco giochi.

Comunità con standard igienici più bassi e luoghi in cui le pratiche di manipolazione e preparazione del cibo sono inadeguate sono più suscettibili a focolai di gastroenterite. Il problema è drammaticamente rilevante nei paesi in via di sviluppo, in cui l’accesso all’acqua potabile e alla basilare nettezza degli alimenti è difficile.

Sintomi

I primi sintomi si manifestano solitamente entro quattro giorni dall’infezione e variare in gravità. La diarrea acquosa, il vomito, i crampi addominali e la debolezza sono i sintomi più comuni; la perdita di liquidi può spingere il corpo alla disidratazione. Raramente alcune tossine possono portare a patologie più importanti, come la Sindrome emolitico-uremica o episodi convulsivi isolati.

La gastroenterite perdura da qualche giorno in caso di origine virale (anche nei bambini) fino a qualche settimana se la causa è batterica.

Esami diagnostici

La diagnosi di gastroenterite umana coinvolge una valutazione dei sintomi e della storia clinica poiché la gestione dell’infezione è comune indipendentemente dal patogeno che l’ha causata.

Un esame delle feci è solitamente raccomandato alla presenza dei primi fastidi; se i sintomi perdurano è importante tenere sotto controllo il livello degli elettroliti (sodio e potassio) e, con la creatinina sierica, la funzionalità renale.

Trattamento e prevenzione

Trattamento

Nei casi lievi di gastroenterite umana il trattamento si concentra sull’idratazione e sul riposo intestinale, preferendo cibi più leggeri, secchi e asciutti come riso in bianco e pasta, evitando zuccheri e fritture. Nelle situazioni più gravi o persistenti i medici possono prescrivere farmaci per alleviare i sintomi e ridurre l’infiammazione.

Vediamo insieme qualche consiglio sulla dieta da seguire in caso di infezione nei bambini del dottor Antonio Limongelli in un’intervista ad ITV.

Prevenzione

Lavarsi accuratamente le mani, cucinare gli alimenti a temperature sicure e consumare acqua potabile sono pratiche essenziali per prevenire la gastroenterite umana. Evitare il contatto con individui malati e promuovere l’igiene nelle comunità sono passi critici per contenere la diffusione.

Gastroenterite canina

Anche i cani possono soffrire di gastroenterite, similmente ai loro amici umani. Si tratta di un’infezione gastrointestinale i cui sintomi includono diarrea, vomito e disagio addominale, riscontrabile anche nei gatti, nel pollame e nei suini; alcune gastroenteriti animali non sono trasmissibili agli esseri umani.

Cause

Le cause della gastroenterite canina possono variare: Campylobacter, Clostridium difficile, Clostridium perfringens e Salmonella sono alcuni dei patogeni responsabili, ma l’infezione può essere collegata anche all’ingestione di piante tossiche. Possono peggiorare la situazione generale anche cambiamenti nella dieta, ingestione di cibo scaduto o contaminato ed intolleranze alimentari.

Epidemiologia

Come per quella umana la gastroenterite animale è diffusa globalmente.

Eziologia, sintomi ed esami diagnostici

Eziologia

La gastroenterite canina può essere causata da una serie di fattori, tra cui virus come il parvovirus e il coronavirus, batteri come la Salmonella e la Campylobacter, oltre a parassiti intestinali.

Sintomi

Nei cani i sintomi includono diarrea spesso accompagnata da sangue, vomito, perdita di appetito e letargia. La disidratazione è il rischio principale. Se il tuo cane sembra molto stanco e non vuole mangiare contatta il tuo veterinario di fiducia.

Esami diagnostici

I veterinari possono diagnosticare la gastroenterite canina attraverso una valutazione completa dei sintomi, della storia medica e talvolta con un esame delle feci. In alcuni casi potrebbero essere necessari esami di diagnostica per immagini.

Trattamento e prevenzione

Trattamento

Il trattamento della gastroenterite canina può coinvolgere il digiuno temporaneo seguito da una dieta leggera e facile da digerire. Spesso è necessaria la somministrazione di fluidi via flebo per prevenire la disidratazione.

Prevenzione

Mantenere una dieta regolare e di alta qualità, evitare cambiamenti bruschi nell’alimentazione e limitare l’accesso del cane a cibo umano e oggetti non digeribili sono strategie preventive importanti. Mantenere l’ambiente pulito e adottare misure antiparassitarie può ridurre il rischio.

Conclusione

Sia la gastroenterite umana che quella canina possono causare notevoli disagi e preoccupazioni. L’educazione sull’igiene personale, il trattamento adeguato e le pratiche preventive svolgono un ruolo cruciale nel contenimento della diffusione di questa infiammazione dell’apparato gastrointestinale. In caso di sintomi persistenti o gravi sia gli esseri umani che i cani dovrebbero essere sottoposti a una valutazione medica accurata.

Come sempre una semplice ma efficace prevenzione è sufficiente per vivere una vita sana, sia per te che per il tuo amico a quattro zampe!

Infermiera

In caso di sintomi rivolgiti sempre al tuo medico di famiglia o ad uno specialista. Se a stare male è invece il tuo animale domestico contatta il tuo veterinario di fiducia o l’ambulatorio veterinario di zona.

Riferimenti

Vos T, Allen C, Arora M, Barber RM, Bhutta ZA, Brown A, et al. Global, regional, and national incidence, prevalence, and years lived with disability for 310 diseases and injuries, 1990–2015: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2015. Lancet [Internet]. 2016 [cited 2023 Aug 30];388(10053):1545–602. Available from: http://dx.doi.org/10.1016/s0140-6736(16)31678-6

Ministero della Salute. Gastroenteriti [Internet]. Gov.it. 2014 [cited 2023 Aug 30]. Available from: https://www.salute.gov.it/portale/malattieInfettive/dettaglioSchedeMalattieInfettive.jsp?area=Malattie%20infettive&id=173&lingua=italiano&menu=indiceAZ&tab=1

Gotfried J. Overview of Gastroenteritis [Internet]. MSD Manual Consumer Version. [cited 2023 Aug 30]. Available from: https://www.msdmanuals.com/home/digestive-disorders/gastroenteritis/overview-of-gastroenteritis

Cita l'articolo
Fiore A. Gastroenterite umana e canina ad Avellino: sintomi, cause e prevenzione [Internet]. 2023 Ago [cited 2024 Jul 15]. Available from: https://www.guarinolab.it/blog/gastroenterite-umana-e-canina-ad-avellino-sintomi-cause-e-prevenzione/